Cosa vedere a Roma in due giorni e immergersi nella città eterna

cosa vedere a roma in due giorni
Cosa vedremo in questo articolo

Per visitare una città come Roma bisogna essere preparati, non solo a livello storico e culturale, ma soprattutto emozionale.

Si tratta di un luogo magico e suggestivo, dove ogni vicolo racconta una storia e nasconde una bellezza per gli occhi.

Ci vorrebbero mesi per visitare tutto ciò che merita attenzione, ma se hai a disposizione poco tempo è possibile realizzare un tour ad hoc dal ritmo serrato, pianificando attentamente ogni passo, immergendosi nel centro storico e nelle zone limitrofe.

Ecco cosa vedere a Roma in 2 giorni!

Giorno 1: esplorare il centro storico di Roma

Il primo giorno è dedicato alla scoperta dell’affascinante centro storico di Roma, un luogo dove ogni angolo racconta storie millenarie. Preparati a immergerti in un’avventura attraverso il tempo, iniziando dalla maestosità del Colosseo fino ai segreti del Foro Romano e del Palatino.

Mattina

Con un po’ di fortuna, la mattinata a Roma potrebbe regalarti un cielo terso e limpido, permettendoti di esplorare al meglio il centro storico, prima tappa del tuo tour di due giorni nella Città Eterna.

Il Colosseo

Quando si parla di Roma, la prima immagine che viene in mente è certamente quella del Colosseo, monumento simbolo del suo skyline.

Parliamo di un anfiteatro dedicato ai giochi antichi, costruito dopo il grande incendio che colpì la città nel 64 d.C.

Al suo interno si esibivano i gladiatori, sfidando leoni e animali feroci, per il diletto della popolazione.

È incredibile come questa struttura così antica sia ancora oggi ben conservata, facendo intravedere all’interno l’organizzazione delle gradinate.

Esistono due modi per visitare il Colosseo:

  • quello più economico prevede l’osservazione dal di fuori, passeggiando attorno alle sue mura e scattando delle splendide foto ricordo dai vari punti panoramici;
  • quello a pagamento consente di acquistare un biglietto e regalarsi la suggestione dei suoi interni.
cosa vedere a roma in 2 giorni: il colosseo

Il consiglio è di prenotare con un certo anticipo una visita guidata e godere della spiegazione di un professionista, per apprezzare ancor di più il prodigio che si ha davanti agli occhi.

Il momento migliore per accedere al Colosseo è durante le prime ore della mattina, subito dopo la sua apertura, poiché il rischio di affollamento è elevato in ogni periodo dell’anno.

Foro Romano e Palatino

Se vuoi comprendere come si svolgeva la vita nella Roma antica, il luogo migliore in cui immergersi è il Foro Romano, che insieme al Palatino forma due delle aree archeologiche più significative.

Il Foro Romano era il centro della vita pubblica, sede di alcuni dei palazzi più significativi, i cui resti si possono osservare oggi come rovine antiche e colonne.

Il Palatino, invece, era la sede dei palazzi imperiali, simbolo dello sfarzo dei diversi re, che si sono susseguiti alla guida della città, lasciando ognuno il proprio segno.

Il Foro Romano è aperto ogni giorno e richiede il pagamento di un biglietto da 16 euro, che prevede anche la visita del Colosseo e del Palatino.

Come per gli altri monumenti emblematici, è consigliabile visitare il Foro Romano in orari strategici per evitare lunghe attese e optare per tour guidati che permettano di comprendere a fondo il significato di ogni colonna o capitello ancora visibile.

Pomeriggio

Dopo un pranzo veloce nel centro storico, gustando un delizioso supplì filante e provando vari panini tradizionali, come quelli con mortadella o porchetta, si può continuare l’esplorazione del cuore di Roma, visitando sia monumenti antichi che moderni e passeggiando attraverso i quartieri più distintivi.

Queste esperienze lasceranno un segno indimenticabile, non solo attraverso le fotografie, ma anche nella memoria e nel cuore.

Piazza Venezia e Vittoriano

Appena arrivato sul posto, ti accorgerai come Piazza Venezia costituisca un vero e proprio snodo della città, che dal 1400 ospita alcuni dei palazzi più significativi di Roma.

Avrai forse in mente il famoso discorso di Mussolini che annuncia l’entrata in guerra dell’Italia, pronunciato proprio dal balcone di Palazzo Venezia e rimasto impresso nella storia recente.

Del 1886 è invece il Vittoriano, monumento celebrativo a Vittorio Emanuele II, realizzato in stile neoclassico con la volontà di rappresentare i nuovi valori di unità e libertà.

Piazza Venezia a Roma

Si tratta di uno dei poli culturali più discussi tra i romani, che tuttavia riveste un fascino incredibile. Sorge imponente sulla Piazza, con alle sue spalle i Fori Romani e davanti a sé il tridente dello shopping.

Puoi scegliere se visitare il Vittoriano da fuori, salendo le sue scalinate e ammirando il panorama circostante, oppure entrare all’interno e rendere omaggio al milite ignoto, osservando alcune mostre temporanee che vengono ospitate periodicamente.

Il Pantheon

Divenuto recentemente a pagamento, il Pantheon è una delle chiese più visitate di Roma.

La sua origine risale al 27 a.C, quando Marco Vipsanio Agrippa decise di commissionare un’opera che celebrasse tutti gli dei.

Nel corso dei secoli, questa magnifica struttura è stata trascurata e depredata. Nonostante questi episodi il Pantheon ha conservato intatto il suo incantevole fascino, divenendo una tappa imprescindibile di Roma.

pantheon

Dall’oculus posto sopra la cupola entra una luce leggera e rarefatta, ma anche qualche goccia di pioggia nelle giornate meno soleggiate.

Ogni giorno dell’anno il fascio di luce penetra in maniera differente e regala uno scenario incredibile a coloro che si trovano all’interno.

Tra le meraviglie custodite nel Pantheon troviamo le spoglie di Raffaello, che non a caso scelse proprio questo luogo per la sua sepoltura.

Piazza Navona

Difficilmente si potrebbe immaginare che Piazza Navona, eretta per volere dell’Imperatore Domiziano nell’86 d.C., fosse in origine un’arena destinata a gare atletiche e corse di cavalli. 

Nel corso dei secoli, Piazza Navona è stata il fulcro di numerose feste popolari, corse e giostre.

Attualmente la piazza ospita alcune delle fontane più significative della Città Eterna, come quella di Nettuno e del Moro.

A colpire lo sguardo degli appassionati è però la Fontana dei Quattro Fiumi, che la leggenda attribuisce al Bernini in uno scontro con Borromini per la paternità della sculture.

Nel periodo natalizio Piazza Navona ospita bancarelle e mercatini, fino a culminare con l’arrivo della Befana nella notte dell’epifania, uno spettacolo da non perdere per grandi e piccoli.

Prima sera a Roma

La sera a Roma regala scenari memorabili, in quanto i monumenti principali si vestono di una luce scintillante e magica.

Dopo una doccia ristoratrice, è il momento di rimettere in moto le gambe e immergersi letteralmente nel quartiere più suggestivo e caratteristico della città: Trastevere.

Trastevere

Visitando Trastevere sarai trasportato dalla folla festante che occupa i piccoli vicoli, ricchi di ristorantini tipici nei quali verrai attratto dall’abile personale locale.

Non mancano monumenti importanti, come la Basilica di Santa Maria in Trastevere, che con i suoi fregi dorati e le bellissime decorazioni pittoriche ti richiamerà al suo interno per scoprire ancora una volta un’altra meraviglia della città.

Per la location della cena avrai l’imbarazzo della scelta, optando per piccoli locali di street food romano o ristoranti della tradizione, dove assaporare una carbonara o una cacio e pepe.

Attenzione, tuttavia, a non optare per luoghi eccessivamente turistici, che potrebbero essere meno autentici e molto più cari del previsto.

Giorno 2: arte, cultura e relax

Nel secondo giorno della tua avventura romana, ti conduciamo in un viaggio tra arte, cultura e momenti di relax. Dopo aver esplorato il cuore storico di Roma, è tempo di lasciarsi incantare dalle meraviglie della Città del Vaticano, un luogo dove arte e spiritualità si intrecciano in modo unico. Preparati a scoprire i tesori nascosti nei Musei Vaticani e ad ammirare la maestosità della Cappella Sistina, prima di concederti un pomeriggio di meritato relax tra le vie della città.

Mattina

Dopo aver familiarizzato con la città di Roma, sei consapevole che la giornata ti regalerà ancora una sequenza di meraviglie ineguagliabili!

È quindi giunto il momento di scoprire il mondo che si nasconde nella Città del Vaticano, ricca di misteri, alla quale dedicare tutta la mattinata, in compagnia di una guida esperta che saprà raccontare storia e aneddoti del posto.

Città del Vaticano

Le leggende sono sempre molto affascinanti e quella che riguarda la Basilica di San Pietro, cuore della Città del Vaticano e della cristianità, vuole che la chiesa sia stata costruita sulle fondamenta della tomba dell’omonimo santo, risalente al 60 d.C.

La costruzione, ad opera di Costantino, risale al 315 d.C. e nel corso dei secoli questa si è ornata di elementi artistici di meravigliosa bellezza, a partire dal colonnato del Bernini per finire alla cupola e alla Pietà di Michelangelo.

cosa vedere in 2 giorni a Roma: la basilica di san Pietro

Questo luogo è costantemente affollato di visitatori durante tutto l’anno, attirando sia amanti dell’arte che fedeli religiosi, molti dei quali giungono per ascoltare il discorso del Pontefice nei giorni designati per la preghiera.

Ti consigliamo di visitare il sito nelle prime ore del mattino o nelle ultime della sera per poter apprezzare con tranquillità questo tempio cristiano, emblema della fede a livello globale.

Musei Vaticani e Cappella Sistina

Per esplorare tutte le splendide opere nascoste nei Musei Vaticani, sarebbero necessari diversi giorni. Seguendo il percorso guidato, si possono comunque scoprire tutti gli elementi più significativi.

Resterai incantato dal corridoio delle carte geografiche e proseguendo, arriverai all’apice dell’esperienza con la Cappella Sistina e il suo imponente Giudizio Universale.

I biglietti possono essere acquistati online e includono l’opzione salta-fila, il che è consigliabile per evitare il rischio di lunghe attese in coda.

Pomeriggio

Nel tuo ultimo pomeriggio a Roma, potrai concederti momenti di svago e relax, dedicandoti ad alcune ore di shopping, senza però dimenticarti di godere della bellezza culturale che la città offre.

Piazza di Spagna e Scalinata di Trinità dei Monti

Facilmente accessibile tramite metropolitana, Piazza di Spagna è famosa per la sua splendida Fontana della Barcaccia, un capolavoro barocco di Bernini, e per la scalinata di Trinità dei Monti, che conduce all’omonima chiesa situata in cima.

Salendo i gradini ammira la vita in fermento delle vie dello shopping.

Fontana di Trevi

Prima di lasciare Roma, non dimenticare di lanciare una moneta nella Fontana di Trevi, augurandoti di ritornare un giorno in questa città incantevole.

Si tratta di una fontana maestosa, risalente al 19 d.C e ristrutturata nel 1453 da Papa Nicola V.

Via del Corso e Via Condotti

Via del Corso ti incanterà con i suoi negozi caratteristici e le note catene di moda, mentre Via Condotti rappresenta il vero eden per gli appassionati dello shopping di lusso, ospitando le boutique più raffinate della capitale.

Villa Borghese e Galleria Borghese

Concludere il tuo soggiorno a Roma con una visita a Villa Borghese è un’esperienza privilegiata.

Potrai ammirare il suo parco arricchito da laghetti e una varietà di piante e visitare la Galleria Borghese, che custodisce sculture e dipinti di inestimabile valore, tra cui Paolina Borghese Bonaparte, Apollo e Dafne, e il Bacchino Malato.

Ti consiglio di prenotare in anticipo per accedere alla Galleria.

Roma ti aspetta: preparati per il prossimo viaggio

Considera l’idea di ritornare a Roma per un soggiorno più lungo, per proseguire l’esplorazione delle sue innumerevoli meraviglie. In questo modo, potrai esplorare la Città Eterna con più calma e dedicarti alla scoperta di luoghi che non hai avuto il tempo di visitare durante questo tuo primo viaggio.

Roma è una città che non delude mai le aspettative dei suoi visitatori!

Consigli pratici

Per risparmiare tempo e denaro, ti consiglio di acquistare in anticipo i pass turistici, come il City Pass, che permette di accedere a vari monumenti evitando le file e a un prezzo ridotto.

Presta attenzione alle “trappole per turisti”, come i ristoranti con prezzi esorbitanti che si trovano a Trastevere o nei dintorni del Colosseo.

Scegli con attenzione la tua guida turistica ed evita di affidarti a chi si improvvisa come tale vicino ai siti archeologici.

Articoli correlati